pesticidi-irrorazioneOgni anno l'Environmental Working Group (EWG) rilascia la lista della sporca dozzina identificando la maggior parte dei pesticidi presenti negli alimenti. Questo non significa che si dovrebbe smettere di mangiare alimenti freschi sostituendoli con prodotti confezionati ma suggerisce che mangiare cibo biologico il più spesso possibile è il sistema per tenere i pesticidi chimici lontani dal vostro corpo.

In realtà, una dichiarazione dell'Accademia Americana di Pediatria afferma che i bambini sono particolarmente più esposti e sensibili agli effetti dei pesticidi, che provocano un aumento del rischio di tumori pediatrici e problemi comportamentali, tra cui difficoltà di apprendimento. L'esposizione ai pesticidi è stata collegata anche a tutti i tipi di condizioni come l'artrite reumatoide, il lupus, la malattia di Parkinson, il morbo di Alzheimer e il cancro.

Ed ecco che le nuove liste "I 15 più puliti" e la "Sporca dozzina", dove gli scienziati dell'EWG si sono concentrati su 48 tipi di frutta e verdura popolari e basano la loro classifica su un'analisi di 32.000 campioni esaminati dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e la Food and Drug Administration (FDA).
Per classificare i prodotti, gli analisti dell'EWG hanno utilizzato sei metriche, tra cui il numero totale di pesticidi rilevati su una coltura e la percentuale di campioni testati contenenti pesticidi. Nel l'ultimo rapporto, il 65% dei campioni analizzati è risultato positivo ai residui di pesticidi.
Ma il rapporto va oltre la quota degli alimenti con il maggior numero di residui di antiparassitari e attacca la Agenzia di Protezione Ambientale degli Stati Uniti (EPA)di non aver rispettato la legge del Congresso per la protezione della qualità alimentare del 1996, la legislazione ideata per proteggere i cittadini americani dalla contaminazione chimica degli alimenti.
Sonya Lunder, analista dell'EWG e autore del rapporto spiega "Abbiamo inoltre sviluppato un applicazione che indica quali sono gli alimenti più contaminati nel convenzionale. Se in un prodotto c'è un alata probabilità di residui chimici, viene da sé che la gente deve scegliere lo stesso prodotto però biologico".

In cima alla "Sporca Dozzina" ci sono le mele, che per cinque anni consecutivi sono state il frutto con il più alto contenuto di pesticidi. Il cavolo e il peperoncino erano i più contaminati dainsetticidi che sono particolarmente tossici per la salute umana, facendo sì che il loro status sia "Ancora più sporchi". Di seguito la lista degli alimenti contaminati abitualmente.

1. Mele
2. Pesche
3. Nettarine
4. Fragole
5. Uva
6. Sedano
7. Spinaci
8. peperoni dolci
9. Cetrioli
10. Pomodorini
11. Pisellini
12. Patate
+Peperoncini
+Cavoli Verdi

 

I Più puliti
Non ci sono solo brutte notizie, perché sono riusciti a individuare quali sono gli alimenti meno trattati nel convenzionale. Attenzione però, meno contaminati, ma comunque
1. Avocado
2. mais dolce
3. Ananas
4. Cavolo
5. Piselli dolci congelati
6. Cipolle
7. Asparagi
8. Manghi
9. Papayas
10. Kiwi
11. Melanzana
12. Pompelmo
13. Cantalupo
14. Cavolfiore
15. Patate dolci

Lo studio rileva inoltre che ogni campione di nettarine importate e il 99% dei campioni di mele sono risultati positivi ad almeno un residuo ai pesticidi. La patata conteneva più pesticidi rispetto a qualsiasi altro cibo.

Un singolo grappolo d'uva è risultato positivo a più di 15 pesticidi. Come anche i singoli campioni di sedano, pomodorini, piselli e fragole sono risultati positivi a 13 pesticidi diversi ciascuno.
Invece solo l'1% dei campioni di avocado ha dimostrato di avere quantità rilevabili di pesticidi.
Non avevano residui l '89% delll'ananas, l' 82% dei kiwi, l'80% delle papaie, l'88% per il mango e il 61% dei meloni cantalupo.

"Per decenni, diversi pesticidi tossici sono stati definiti "sicuri" per la salute ... fino a quando è venuto fuori il reale rischio per la salute delle persone", afferma Lunder. "Mentre i legislatori e gli scienziati discutono riguardo la sicurezza dei pesticidi, l'EWG continuerà o adgni anno attirare l'attenzione su frutta e verdura con le più alte percentuali di pesticidi.