logo-stop-glifosato-minDopo la decisione della Calabria di escludere dai finanziamenti le aziende che fanno uso di glifosato, la Coalizione Italiana #StopGlifosato, promossa da AIAB e che conta oggi 45 associazioni, ha rilanciato, una lettera inviata lo scorso 16 dicembre, indirizzata a tutti i presidenti delle Regioni, l’obiettivo ‘Glifosato Zero’ per tutte le regioni, su tutto il territorio italiano. “Facciamo appello a tutte le Regioni italiane – si legge nella lettera - di seguire l’esempio della Calabria e prendere una

decisione che escluda il glifosato dai disciplinari di produzione che lo contengono, nel rispetto del principio di precauzione a tutela della salute dei consumatori e per una produzione di cibo sano e di qualità, la strada che l’Italia ha scelto di perseguire ormai da anni”. In attesa della decisione europea sull’eliminazione del composto chimico dai campi e quindi dalla tavola, che dovrebbe arrivare alla fine del 2017, le Regioni italiane possono utilizzare gli strumenti a loro disposizione, in primo luogo

escludere il glifosato dai disciplinari di produzione integrata. “Siamo fiduciosi – dice Vincenzo Vizioli, presidente di AIAB - che sul solco della regione Calabria si muoveranno molte altre regioni. La scelta della Calabria, inoltre, rompe il fronte di omertà mantenuto da tutte le altre Regioni, che invece di tutelare consumatori e l’ambiente, si trincerano, per pavidità nei confronti della multinazionale Monsanto, dietro le scelte scellerate e piratesche dell'UE. ” 

Segnaliamo la pagina FB